This artist is participating in the edition Roma.

This artist is participating in the edition Berlin.

This artist is participating in the edition Barcelona.


oro rosso
L'INCONTRO
SINTESI POIETICA

Pamela Pintus

Lives and works at Rome

Born 12/12/1981

Curriculum

Curriculum Vitae Nome: Pamela Cognome: Pintus Data di nascita: 12/12/1981 e-mail: pamelapintus@gmail.com web: www.pamelapintus.tumblr.com ISTRUZIONE 2011 Laurea Specialistica in Arti Visive e Discipline dello Spettacolo 110/110 e lode Accademia di Belle Arti di Roma 2008 Laurea in Pittura 110/110 e lode Accademia di Belle Arti di Roma 2005 Scuola della Medaglia - presso il Poligrafico e Zecca dello Stato (1 anno di frequentazione a seguito di vincita di concorso pubblico) 2000 Diploma di Liceo Artistico 100/100 IV Liceo Artistico Alessandro Caravillani di Roma Workshops: 2010 LILIANA MORO Accademia di Belle Arti di Roma - a cura di Cecilia Casorati Seminari: 2008 Le tecniche dell'antica arte della lacca giapponese tenuto dall'artista giapponese NAMIKI TSUNENOBU - Accademia di Belle Arti di Roma Residenze Artistiche: 2014 - ITALIA - Toscana (Orbetello) - presso associazione Gad Art Factory, gestione culturale del progetto a cura di Alessandra Barberini. Progetto per giovani artisti e curatori under 35, volto alla realizzazione di un lavoro artistico e curatoriale site-specific, oggetto di un evento alla Polveriera Guzman-Museo Archeologico di Orbetello. 2014 - CILE - Valparaiso - presso la galeria hostal "La mano de monja", gestione culturale del progetto a cura di Chiara Mambro. Il progetto, dal nome "Underground Invaders", che prevedeva un mese di residenza con realizzazione dell'omonima installazione presso il Parque Cultural di Valparaiso e due mostre personali, è stato parte del Festival de Las Artes di Valparaiso ed ha ricevuto il patrocinio dell'Istituto Italiano di Cultura di Santiago del Cile, del Parque Cultural di Valparaiso, del Vicente Vargas Estudio di Valparaiso e della Camera de Comercio Italiana de Chile. Premi: 2014 Finalista, e vincitrice della Menzione Speciale Giuria, del Premio Internazionale Primal Energy, patrocinato da Regione Toscana e parte del M.I.C. - Maremma In Contemporanea - circuito per la valorizzazione dell'arte contemporanea. ESPOSIZIONI Mostre Personali: 2014 "1974-MEMORIA DEL CILE" Chiostro degli Agostiniani-Museo Civico, Bracciano, Roma 2014 UNDERGROUND INVADERS Galleria NOVE SENSI, Santiago del Cile. UNDERGROUND INVADERS Galleria LA MANO DE MONJA, Valparaiso, Cile UNDERGROUND INVADERS PARQUE CULTURAL, Valparaiso, Cile Mostre collettive: 2014 PRIMAL ENERGY Polveriera Guzman, Museo Archeologico di Orbetello a cura di Alessandra Barberini 2014 OPENART MARKET Fonderia delle Arti, Roma a cura di Antonietta Campilongo 2013 GUZMAN CONTEMPORANEA Polveriera Guzman, Museo Archeologico di Orbetello a cura di Alessandra Barberini 2013 RASSEGNA INTERNAZIONALE D'ARTE Galleria della Radio Nazionale Slovacca (Galéria Slovenského Rozhlasu), Bratislava, Rep. Slovacca a cura di Lūboslav Moza. 2013 INCONTEMPORANEA Palazzo del Governatore, Bracciano, Roma 2010 - Speed-date +21 in occasione della Giornata del Contemporaneo - Accademia di Belle Arti di Roma a cura di Cecilia Casorati 2010 MarteLive10 Alpheus Roma 2010 Estemporanea di pittura Civitacastellana (Vt) 2010 Ddang Festival delle Arti Archivio Storico, Bracciano (Rm) 2009 Ddang Festival delle Arti Archivio Storico, Bracciano (Rm) 2008 - espressaMENTEliberi - Swing Club , Trevignano (Roma) 2006 opere pittoriche nella serie TV CRIMINI andata in onda sulle reti RAI ed esportata anche oltreoceano a New York (Per la stessa serie realizza inoltre alcuni schizzi e bozzetti utilizzati nelle riprese). 2005 Collettiva Casa delle Culture Oltre Aniene, Roma 2005 Notte Bianca di Roma, Accademia di Belle Arti di Roma 2005 Gli allievi dell’Accademia di Belle Arti espongono - Veroli (Fr) 2004 - Notte Bianca di Roma, Accademia di Belle Arti di Roma 2003 MPRONTE - L'arte lascia il segno.Prove d'autore dall'Accademia delle Belle Arti di Roma Barone Rosso, Roma Pubblicazioni: 2010 MarteMagazine - Anno III Numero 82 2000 Pubblicazione di disegni in Memorie di Castello, raccolta di poesie edita dal Comune di Roma. PAMELA PINTUS breve biografia Pamela Pintus è un'artista italiana che vive e lavora a Roma. Laureatasi in Pittura con 110 e lode nel 2008 all'Accademia di Belle Arti di Roma, si specializza in Arti Visive nella stessa Accademia conseguendo nel 2011 una seconda laurea a pieni voti. Allieva di Gianfranco Notargiacomo, la sua formazione si deve ai preziosi insegnamenti del suo Maestro ma anche ad altre grandi personalità dell'arte con cui ha avuto la possibilità di studiare, come Sergio Lombardo. È durante gli anni Accademici che vince il concorso per la Scuola della Medaglia del Poligrafico-Zecca dello Stato (che frequenta per un anno) ed una produzione RAI sceglie alcuni suoi dipinti e disegni per la realizzazione della serie tv CRIMINI (una serie di gialli tratti da libri di scrittori contemporanei di grande successo tanto da essere esportata anche oltreoceano a New York). In questi anni partecipa a seminari, mostre ed eventi organizzati dalla stessa Accademia tra cui ricordiamo SPEED-DATE + 21, evento organizzato per la giornata del Contemporaneo a cura di Cecilia Casorati. Sempre alla ricerca di nuovi stimoli e approfondimenti per la sua ricerca artistica, ha partecipato a workshop (come quello con Liliana Moro nel 2010) e a residenze artistiche (come quella in Cile nel 2014) ed ha esposto in mostre collettive e personali sia in Italia che all'estero. Tra le tante mostre in Italia ricordiamo quella al Museo Archeologico di Orbetello-Polveriera Guzman e quella al Chiostro degli Agostiniani-Museo Civico di Bracciano, mentre tra quelle all'estero ricordiamo quella alla Galleria Nazionale della Radio Slovacca a Bratislava, al Parque Cultural di Valparaiso(Cile) e alla galleria Nove Sensi a Santiago (Cile). La sua arte è una ricerca di segno, di superficie ma con radici profonde che affondano nel senso della memoria come traccia, residuo, resto (spesso psicologico), insomma di cio' che rimane di un'esperienza, che viene "tradotto" in opera attraverso i linguaggi della pittura, della fotografia e dell'installazione anche site-specific.

Statement

La continuità tra arte ed esperienza quotidiana si organizza secondo la logica propria dell'artista, il quale interagisce con ciò che lo circonda innestando una transattività continua tra la propria soggettività intenzionante e la realtà che esperisce. Secondo John Dewey "Non vi é esperienza il cui contributo umano non sia un fattore attivo nel determinare ciò che effettivamente accade", per comprendere il significato reale degli oggetti d'arte dovremmo valutare dunque il punto in cui questi affondano le loro radici nell'esperienza, considerarli allo stato "grezzo". Il punto di vista deweyano di "arte come esperienza" é premessa ineludibile per accostarci all'arte di Pamela Pintus. Il lavoro dell'artista romana nasce da un'intenzione che muove da un confronto continuo con la realtà e riflette sul processo di tesaurizzazione dell'esperienza, recando le tracce residue di un vissuto intenso, di quel che rimane a seguito di un approccio cognitivo che si dà senza riserve. L'attivazione sensoriale, che è risposta più immediata agli stimoli del mondo, passa da un livello percettivo e da un'interiorizzazione della realtà che è secondo grado di conoscenza. Da qui muove l'intenzione della messa in forma che è infine sintesi e oggettivazione del vissuto personale. L'artista riconsegna al mondo in versione poetica e astratta la propria elaborazione interiore di un mondo che in senso kantiano non esiste affatto al di là della percezione del singolo. La sua arte ricerca la possibilità del segno sulla superficie attraverso materiali che sono indifferentemente naturali e sintetici, spesso accostati in un dialogo fertile, che ripensa passato e presente come dimensioni inscindibili, parti di un unicum esperienziale. Le superfici spesso campite sono popolate da interventi materici che trovano cifra massima in un simbolo ricorrente e arcaico che è quello che l'artista identifica come la "cicatrice". Il codice visivo utilizzato da Pamela Pintus si sviluppa per cicli di opere che tracciano un percorso coerente, votato alla definizione estetica di una riproposizione astratta e materica della realtà. Camilla Martinelli

Tina Prize - Roma Artists Tina Prize - Berlin Artists Tina Prize - Bercelona Artists